“See No Evil – Blind Terror” (1971)


See No Evil (conosciuto anche come Blind Terror, da cui il titolo italiano Terrore Cieco) è un thriller del 1971 di Richard Fleischer, impreziosito dall’interpretazione eccezionale di Mia Farrow (Rosemary’s Baby, Secret Ceremony) nei panni della protagonista cieca.


Trama:

 

Sarah (Mia Farrow) è un’addestratrice di cavalli, rimasta cieca in seguito ad una caduta dal suo favorito, Dandy Boy. Dopo la riabilitazione in clinica ritorna nella casa degli zii dove ha trascorso l’infanzia, e qui riallaccia i ponti con Steve (Norman Eshley), il suo fidanzato al tempo dell’incidente. Sarah conosce la casa a memoria e si muove agevolmente attraverso le stanze. Una sera, tornando a casa, si mette a letto in tutta tranquillità pur non sentendo fiatare una mosca, poiché gli zii e la sorella le avevano detto che sarebbero usciti. In realtà essi non hanno mai messo piede fiori dall’abitazione e sono stati improvvisamente massacrati da un assassino misterioso, che ne ha lasciato i cadaveri sparsi per la casa.

Ovviamente Sarah, essendo cieca, non può vederli, ed intuisce che è accaduta una tragedia solo la mattina seguente, quando trova nella vasca da bagno il cadavere dello zio; inoltre trova anche un braccialetto d’argento, appartenente all’assassino, che ritorna nella villa per rimpossessarsene dando così la caccia a Sarah. Ma quest’ultima riesce a fuggire e trova rifugio presso una comunità di zingari, i quali però, vedendo il braccialetto e leggendovi sopra il nome “Jack”, sospettano che l’assassino sia uno dei loro; perciò rinchiudono Sarah all’interno di una baracca vicino ad una cava d’argilla. Da qui Sarah riesce in qualche modo a fuggire, e le sue grida richiamano l’attenzione del fidanzato Steve e dei suoi manovali, i quali trovano Sarah e, dopo averla lasciata a casa con uno di loro di guardia, partono alla volta della carovana degli zingari per dare loro una lezione. Ma una volta giunti presso la comunità degli zingari, capiscono che vi è stato un malinteso e che sul braccialetto non c’è scritto “Jack” ma “Jacko”, e Steve intuisce che l’assassino è proprio il suo manovale che ha lasciato di guardia a Sarah. Così, tornato a casa proprio mentre Jacko sta affogando Sarah nella vasca da bagno, riesce a salvare la sua fidanzata e a stordire Jacko, che verrà quindi arrestato dalla polizia.


Commento:

 

Film thriller dalla tensione piuttosto blanda, See No Evil si distingue tuttavia per una forma estetica elegante, grazie ad una fotografia un po’ desaturata ed improntata su tinte autunnali (in pandant con il luogo in cui si svolge la vicenda, la campagna inglese) e a notevoli inquadrature strette che tolgono quasi il respiro, per far provare allo spettatore lo stesso senso di “cecità” con il quale Sarah per forza di cose deve fare i conti. Proprio per calare lo spettatore nella stessa situazione d’angoscia di Sarah, Fleischer non mostra per tutta la durata del film l’assassino, ma ne inquadra solo gli stivali marroni con la decorazione di una stella, allo scopo di tenere “cieca” l’identità dell’assassino, che verrà rivelata solo nel finale. Sebbene essa non costituisca una grossa sorpresa – i personaggi che appaiono nel film sono infatti troppo pochi per creare grandi dubbi – viene comunque rivelata alla fine di una narrazione tutto sommato avvincente e all’indicazione di una falsa pista, come nella migliore tradizione thrilling. A differenza del filone thriller italiano imperante in quegli anni, gli omicidi non vengono nemmeno mostrati e persino i cadaveri appaiono con il contagocce. Tuttavia è notevolissima la prestazione di Mia Farrow, nel ruolo della ragazza acqua e sapone gentile ed indifesa, che dunque, dopo il cult Rosemary’s Baby (Roman Polanski, 1968) e il drama sperimentale Secret Ceremony (Joseph Losey, 1968), inanella la terza interpretazione memorabile in pochi anni, e – si noti – l’una estremamente differente rispetto alle altre.


Video:
Scena del film che mette in risalto la notevole interpretazione di Mia Farrow nei panni della protagonista cieca.

 


Valutazione: 6.8

 

Lascia un commento

Archiviato in drama, thriller

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...