“Jungle Erotic” (1970)


Jungle Erotic – A happening in the jungle (conosciuto in Italia come Africa Erotica) è un film del 1970, diretto da Louis Soulanes e Zygmunt Sulistrowski, di produzione francese, belga e statunitense. Il film alterna scene di nudo e di sesso ed esplorazioni della savana e della giungla e conseguenti incontri con varie specie di animali; quindi oscilla tra il genere erotico, il documentary e l’adventure-movie, con un piccolo inserto drammatico, dovuto al flashback dello stupro subito dalla protagonista. Jungle Erotic è una film trascurabile, che trova gli unici motivi di interesse nei nudi di Carrie Rochelle e in qualche scena documentaristica à la National Geografic; il resto della pellicola serve un po’ da brodo per raggiungere una durata decente.


Trama:

Karen (Carrie Rochelle), una giovane ragazza americana, si trova in Africa quando incontra un fotografo (Darr Poran) specializzato in nudi femminili che intende scoprirne le potenzialità sensuali; ci riuscirà ben presto, e non sulla cellulosa ma carnalmente. Intanto Robert – questo il nome del fotografo – frequenta anche altre sue modelle, mentre tutta la giungla africana pullula di coppiette dedite a consumare l’atto sessuale in mezzo alla natura selvaggia.

Ma la giungla nasconde anche dei pericoli: così Karen, derubata dei propri vestiti da una scimmia, nel tentativo di riprenderseli cadrà da un albero e sbatterà la testa; esanime, verrà insidiata prima dalla scimmia stessa e poi da un enorme serpente, e solo il provvidenziale intervento di Robert la salverà. Ma sullo stato mentale di Karen pesa un trauma riportato qualche tempo prima: uno stupro. Così, quando Robert gli propone una strana posa fotografica, Karen rivive il trauma e scappa nella giungla, per poi essere ritrovata e consolata dal fotografo, cui racconterà la triste vicenda.

A questo punto la scena si sposta in Asia. Robert conosce una giovane ragazza del posto a cui chiede di fare da modella e questa accetta. Anche  tra i due ovviamente nascerà qualcosa di intimo. Poco dopo si ritorna in Africa e poi ci viene mostrata – come flashback – una specie di orgia apparentemente slegata dalla narrazione. Poi, da qui alla fine, Karen e Robert girano la savana su un’automobile-motoscafo, scoprono la libertà e la loro felicità in Africa… e vissero felici e contenti.


Commento:

Jungle Erotic è il classico film pruriginoso di fine anni sessanta – inizio anni settanta senza particolari brame artistiche, pensato e realizzato appositamente per stimolare lo spettatore (di sesso maschile) – e ciò lo si può intuire facilmente anche solo dando un’occhiata alla locandina del film. Già la trama, che prevede una giovane bionda ed avvenente americana che si inoltra in Africa senza particolari ragioni, appare scarna e ridotta all’osso proprio perché serve unicamente da scheletro sul quale poi ricamare le varie sequenze sensuali/sessuali di cui il film si compone.

La scelta dell’Africa come location della vicenda si spiega in quanto agli occhi dello spettatore occidentale il Continente Nero è una zona vergine e incontaminata dalla civiltà, nella quale anche il sesso – tra le altre cose – ritorna allo stato naturale e selvaggio, liberato dagli impedimenti e dai divieti morali della società civilizzata. La pellicola presenta anche diversi incontri con animali tipici della giungla africana (scimmie, serpenti, coccodrilli, tarantole, giaguari, leoni) e con tribù di indigeni locali, ricordando in questo senso i mondo-movies dell’epoca ambientati nel continente africano. Parecchie sequenze per così dire “da safari”, in cui vengono inquadrati gli animali della savana (ippopotami, elefanti, giraffe, bisonti, zebre, struzzi) correre liberi tra i prati, intervallano le sequenze più erotiche e fungono un po’ da riempitivo per raggiungere i canonici 80 minuti di pellicola.

L’obiettivo della macchina fotografica di Robert diventa la lente attraverso la quale lo spettatore può godere delle nudità della bellissima protagonista, una Carrie Rochelle che purtroppo non girerà altri film oltre a Jungle Erotic. Il fatto che il protagonista secondario sia di professione fotografo, dunque, è un mero espediente usato dai registi per poter mostrare la bellezza dell’attrice principale in varie pose trasudanti sensualità, senza doversi inventare altri più complessi motivi per farla spogliare. E’ vero che si cerca anche di dare alla vicenda un’impronta drammatica – con lo stupro subito dalla protagonista ed il relativo trauma – ma in fin dei conti possiamo constatare che anche questo espediente verrà usato invero per mostrare altre pruriginose scene ancora più spinte delle altre.

Intorno all’ora di pellicola, la scena si sposta in un non meglio precisato paese asiatico nel quale Robert stringe amicizia con una ragazza del luogo. Questa parte del film, pur presentando anch’essa scene di nudo e rapporti sessuali, è molto meno spinta della precedente e i registi ne approfittano per mostrare le bellezze della costa asiatica, sottolineando talvolta le vedute paesaggistiche con una musichetta orientale molto consona alle immagini che vengono mostrate. A questo punto la trama va completamente a farsi benedire e da lì a poco assistiamo addirittura ad un’orgia – inserita nella narrazione con il patetico espediente del flashback – con personaggi apparentemente avulsi dalla vicenda su cui il film si era sviluppato.


Valutazione: 46/100


Film collegati:

Influenze:

Film ispirati:

Film simili:

Premier désirs (1984)


1 Commento

Archiviato in adventure, documentary, drama, erotika, esotika

Una risposta a ““Jungle Erotic” (1970)

  1. Ottime riflessioni e suggerimenti…Sesso & San Valentino invece? Che ne pensi?

    Anche noi di Vongole & Merluzzi abbiamo ben pensato di scrivere un post al proposito…

    Anzi abbiamo chiesto di scriverlo a una tipa molto particolare…

    Augurandoti, a modo nostro, un buon San Valentino, spero avrai modo di ricambiare la visita:

    http://vongolemerluzzi.wordpress.com/2011/02/14/post-di-una-squillo-per-bene/

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...