“La donna nel mondo” (1963)


La donna nel mondo (conosciuto anche come Eva sconosciuta) è un film/documentario di genere mondo-movie del 1963, diretto da Gualtiero Jacopetti, Paolo Cavara e Franco Prosperi.

vlcsnap-2013-07-02-22h35m33s106


Trama:

Consueta scorribanda intercontinentale del documentarista Jacopetti alla ricerca delle sensazioni forti, dei contrasti e delle curiosità (possibilimente macabre) su un tema prefissato. Qui la condizione femminile.

vlcsnap-2013-07-02-22h36m25s115


Commento:

Dopo Mondo Cane e Mondo Cane 2, il trio Jacopetti/Cavara/Prosperi ci accompagna in un excursus sulla condizione della donna negli anni Sessanta. I temi portanti del documentario (la bellezza e la sensualità femminile, il matriarcato e il patriarcato, la maternità e l’immancabile guerra), di per sé interessanti, sono però scarsamente valorizzati da una regia che annacqua tutte le idee migliori con un’impostazione purtroppo tipica del genere: la voce narrante cerca più di criticare e deridere le varie usanze filmate in giro per il mondo (spesso pure traviandole banalmente) anziché cercare in esse un significato che vada oltre il pregiudizio (pessime come sempre le battutine su omosessuali e lesbiche).

vlcsnap-2013-07-02-22h40m06s8

Tra le scene degne di nota ricordiamo: un gruppo di ragazze cinesi che vanno in spiaggia con l’ombrellino per non abbronzarsi, le splendide danzatrici di Tahiti, la poliandria e le donne fumatrici in Malaysia, le aspiranti attricette di Cannes e di Los Angeles, le giovanissime prostitute di Hong Kong. Della prima metà del film, gran parte è dedicata alla condizione femminile in Giappone, e in particolar modo all’educazione sessuale a Tokyo (com’era diversa negli anni Sessanta!) e alla galoppante occidentalizzazione del Paese del Sol Levante.

vlcsnap-2013-07-02-22h37m31s7

Troviamo anche scene curiose (e probabilmente false) come il rito svelato della “sirena” presso un’isola abitata da una tribù indigena di soli uomini, un fotografo che unisce le parti migliori di decine di donne per ricreare la “donna ideale americana”, e un grandangolo della “Casa degli studenti” in Svezia. La seconda parte è meno efficace, ma si conclude con la scena cult dei bambini focomelici e con la bella ripresa delle Suore della Provvidenza con i bambini Masai. Musiche come al solito di Riz Ortolani.

vlcsnap-2013-07-02-22h38m45s235


Video:
Trailer.


Valutazione: 60/100


Film collegati:

Influenze:

Film ispirati:

Film simili:

Mondo Cane (1962)

Mondo Cane 2 (1963)

Svezia Inferno e Paradiso (1968)


Lascia un commento

Archiviato in documentary, erotika, exploitation, mondo, trash

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...