Archivi categoria: black comedy

“The Cabin in the Woods” (2011)


“You think you know the story”

The Cabin in the Woods (uscito in Italia con il titolo Quella casa nel bosco) è un film del 2011 diretto da Drew Goddard. Continua a leggere

4 commenti

Archiviato in black comedy, experimental, horror, slasher, splatter, trash

“The people under the stairs” (1991)


The people under the stairs (conosciuto in Italia con il titolo La casa nera) è un film del 1991, scritto e diretto da Wes Craven. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in black comedy, comedy, horror, mystery, sociopolitical, thriller

“After Hours” (1985)


After Hours (conosciuto in Italia come Fuori Orario) è un film del 1985, scritto da Joseph Minion e diretto da Martin Scorsese. Presentato in concorso al 39º Festival di Cannes, ha vinto il premio per la regia. Originariamente il film doveva essere diretto da Tim Burton, ma quando Scorsese leggendo la sceneggiatura ne rimase affascinato, Burton rinunciò senza problemi alla regia del film. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in black comedy, drama, experimental, grotesque, mystery, psychedelic, thriller, weird

“Maladolescenza” (1977)


Vuoi giocare all’amante felice,
fingere di piangere, un funerale?
Vuoi vivere, vivere per sempre,
vivere nel gioco, che diventa reale?
Sdraiarsi tra i fiori per terra,
e dimmi, vuoi giocare alla morte?

Maladolescenza (il titolo originale, essendo stato girato in Austria per aggirare la censura italiana, è Spielen wir Liebe) è un film estremamente controverso del 1977, diretto da Pier Giuseppe Murgia (che tra l’altro negli anni a seguire inventerà il format della trasmissione tv Chi l’ha visto?). L’interpretazione di due attrici non ancora dodicenni e la presenza di numerose scene di nudo, sesso e violenza ne hanno decretato una fama maledetta, ma lo spettatore che saprà assistere al film senza pregiudizi potrà essere in grado di scorgere dietro questa superficie exploitation un valore intrinseco realmente sussistente. Continua a leggere

2 commenti

Archiviato in black comedy, drama, erotika, exploitation, fairy tale

“Hanno cambiato faccia” (1971)


“I miti non muoiono: si trasformano. Avete cambiato faccia, ma continuate a succhiare sangue alla gente.”

Hanno cambiato faccia (conosciuto all’estero come They have changed their face) è un film del 1971, diretto da Corrado Farina. Si tratta di un singolare film sul vampirismo, in cui esso viene visto come un’allegoria del capitalismo: i nuovi vampiri dunque, secondo Farina, non sono quelli classici della tradizione horror ma piuttosto coloro che detengono le redini dell’industria, della pubblicità, della società. Film più di denuncia sociale che horror, dunque, altamente weird, molto interessante anche se decisamente non per tutti. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in black comedy, erotika, horror, mystery, sociopolitical, weird

“Gwoemul – The Host” (2006)


Gwoemul (più conosciuto con il titolo occidentale The Host) è un film sudcoreano del 2006, diretto da Joon-ho Bong. Il film mescola vari generi (horror, monster-movie, sci-fi, comedy, drama) e presenta anche delle neanche troppo velate critiche di carattere politico, ma tutti questi elementi non vengono fusi con maestria e il risultato finale è un gran minestrone che può deludere un po’ tutti, ma potrebbe anche piacere a chi cerca un filmetto senza troppe pretese da vedere in una serata tra amici. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in action, black comedy, comedy, drama, horror, monster/beast, sci-fi, sociopolitical, trash

“Il Rosso Segno della Follia” (1970)


Pur essendo considerato un film minore nell’opera di Mario Bava (rispetto ai suoi capolavori conclamati quali La Maschera del Demonio, La Ragazza che sapeva troppo, Sei Donne per l’Assassino, Operazione Paura, Reazione a Catena, Cani Arrabbiati, che sono fondamentalmente film che fondano o modificano in maniera significativa un genere cinematrografico, in Italia o nel mondo intero), Il Rosso Segno della Follia (conosciuto anche con il titolo Un’Accetta per la Luna di Miele, da cui il titolo statunitense Hatchet for the Honeymoon) è un film elegante, visionario e gradevole nella visione, ben al di sopra al livello medio di molti registi della sua epoca. Continua a leggere

2 commenti

Archiviato in black comedy, drama, fantasy, gothic, horror, mystery, thriller