Archivi categoria: slasher

“The Cabin in the Woods” (2011)


“You think you know the story”

The Cabin in the Woods (uscito in Italia con il titolo Quella casa nel bosco) è un film del 2011 diretto da Drew Goddard. Continua a leggere

4 commenti

Archiviato in black comedy, experimental, horror, slasher, splatter, trash

“Murderock – Uccide a passo di danza” (1984)


“Non si può essere umani… perché nello spettacolo non c’è tempo per questo.”

Murderock – Uccide a passo di danza è un film del 1984, diretto da Lucio Fulci. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in erotika, exploitation, italian giallo, mystery, slasher, thriller

“The Hills Have Eyes” (1977)


The Hills Have Eyes (uscito in Italia come Le colline hanno gli occhi) è un film del 1977, diretto da Wes Craven, ispirato in parte alla leggenda di Sawney Bean. Nel 1985 uscì il seguito, The Hills Have Eyes Part II, sempre diretto da Craven; mentre nel 2006 Alexandre Aja diresse egregiamente il remake omonimo dell’orginale. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in cannibal, exploitation, horror, rape and revenge, slasher, thriller

“Cheerleader Camp” (1988)


Cheerleader Camp (conosciuto anche come Bloody Pom Poms) è un film del 1988, diretto da John Quinn. La particolarità del film in questione è il fatto che unisce il genere slasher-horror, molto in voga negli anni ottanta, con il filone cheerleader, nato e sviluppatosi negli anni settanta con film come The Cheerleaders (Paul Glicker, 1973); ne va da sé che l’elemento thrilling è mitigato con toni tipici della commedia all’americana e da qualche (a dire il vero molto rara) scena ad elevato tasso erotico. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in comedy, erotika, horror, slasher, thriller, trash

“Morirai a mezzanotte” (1986)


Morirai a mezzanotte (conosciuto all’estero come Midnight Horror) è un film del 1986, ambientato ad Ascoli Piceno, diretto da Lamberto Bava. Si può definire come una via di mezzo tra una pellicola horror-slasher (genere molto in voga a quel periodo) ed un giallo all’italiana fuori tempo massimo (gli anni d’oro del filone sono stati infatti i settanta). Dal filone slasher Lamberto Bava trae l’ispirazione per la figura del killer, apparentemente un criminale redivivo proveniente dal passato; dal filone giallo Bava ricava il colpo di scena finale con la rivelazione dell’assassino oltre ad alcuni trucchetti à la Argento. Niente di memorabile, in ogni caso. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in horror, italian giallo, mystery, slasher, thriller, trash

“Lo squartatore di New York” (1982)


Lo squartatore di New York è un film del 1982 diretto da Lucio Fulci, che segna il ritorno del regista romano alle atmosfere thrilling degli anni settanta (Una lucertola con la pelle di donna, Non si sevizia un paperino, Sette note in nero), momentaneamente abbandonate gli anni precedenti per dare ampio spazio alla sua vena horror-splatter (E tu vivrai nel terrore – l’Aldilà, Paura nella città dei morti viventi, Zombi 2). Il film è considerato uno dei gialli all’italiana più violenti della storia (accanto a titoli come I corpi presentano tracce di violenza carnale di Sergio Martino e Reazione a catena di Mario Bava), nonché il film più crudele e pessimista diretto da Fulci. Continua a leggere

3 commenti

Archiviato in drama, erotika, exploitation, italian giallo, mystery, slasher, splatter, thriller

“Antropophagus” (1980)


Il regista romano Joe D’Amato (nome d’arte di Aristide Massaccesi) è noto al pubblico horror per aver girato, a cavallo tra i decenni settanta e ottanta, tre titoli di fondamentale importanza per il genere, se non altro per l’estremizzazione della morbosità e dell’efferatezza di alcune scene che lo inserirono di diritto nel novero dei registi horror italiani più estremi. Il primo di questi tre film, Buio Omega (1979), narrava di un necrofilo psicopatico; il secondo, Antropophagus (1980), di un cannibale col volto deturpato; il terzo, Rosso sangue (1981), di un assassino impossibile da ferire. Proprio Antropophagus è considerato dalla critica il suo film più estremo, grazie ad un paio di scene cult che compensano in qualche modo una trama scarna e per molti versi mediocre. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in cannibal, horror, slasher, splatter