Archivi categoria: adventure

“Cannibal Ferox” (1981)


Sono stata una stupida a cercare fuori da New York le motivazioni del cannibalismo. Proprio noi, che vantiamo una civiltà superiore, siamo i responsabili della loro ferocia.

Cannibal Ferox è un film del 1981, diretto da Umberto Lenzi. Si tratta del suo terzo contributo al filone cannibal, avendo diretto Il paese del sesso selvaggio nel 1972 e Mangiati vivi! nel 1980. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in adventure, cannibal, crime, drama, esotika, exploitation, horror, splatter

“Il paese del sesso selvaggio” (1972)


Il paese del sesso selvaggio (noto all’estero con i titoli Man from the Deep River e Sacrifice!) è un film diretto da Umberto Lenzi e scritto da Francesco Barilli e Massimo D’Avak (anche se l’autrice del soggetto è Emanuelle Arsan, inventrice dell’omonima eroina cinematografica del filone esotico). Uscito nel 1972, è considerato l’iniziatore del filone cannibal. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in adventure, cannibal, drama, erotika, esotika, exploitation

“El Topo” (1970)


“You are seven years old. You are a man.
Bury your first toy and your mother’s picture.”

El Topo (in spagnolo: “la talpa”) è un film del 1970, diretto scritto ed interpretato dall’attore e regista cileno Alejandro Jodorowsky. Impregnato di surrealismo, di simbolismo cristiano e di filosofia orientale, il film è considerato un vero e proprio cult movie dagli appassionati di cinema underground. E’ anche considerato il primo western surrealista. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in adventure, experimental, fantasy, grotesque, psychedelic, sociopolitical, weird, western

“The Holy Mountain” (1973)


Ora voi siete un cuore vuoto, pronto a ricevere la vostra vera essenza, la vostra perfezione, il vostro nuovo corpo che è l’Universo, l’opera di Dio. Voi rinascerete, sarete reali. Sarete vostro padre, vostra madre, vostro figlio, la vostra perfezione. Aprite gli occhi. Siete la terra, siete il verde, siete l’azzurro, siete gli altri! Siete l’essenza.

The Holy Mountain (conosciuto nei paesi latini come La Montaña Sagrada e in Italia con il titolo di La Montagna Sacra) è un film del 1973 di Alejandro Jodorowsky. Di produzione messicana/americana, è il suo terzo film, successivo a Fando y Lis (1968) e El Topo (1969). Capolavoro assoluto dell’opera jodorowskiana nonché apice del suo eclettismo visivo, The Holy Mountain è una pellicola sperimentale, surrealista e dissacrante del mondo moderno, presentando forti connotazioni anticapitaliste e anticlericali. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in adventure, comedy, experimental, fantasy, grotesque, psychedelic, sci-fi, sociopolitical, weird

“Emanuelle e gli ultimi cannibali” (1977)


Emanuelle e gli ultimi cannibali (Emanuelle and the last cannibals) è un film di Joe D’Amato (Aristide Massaccesi). Si tratta del quinto film della serie di Emanuelle nera, il quarto diretto da Massaccesi, nonché il più horror e violento della saga. Uscì nelle sale nel 1977, lo stesso anno di Ultimo Mondo Cannibale di Ruggero Deodato, sullo slancio del nascente filone cannibal. Continua a leggere

1 Commento

Archiviato in adventure, cannibal, erotika, esotika, exploitation, horror, splatter

“Amore Libero – Free Love” (1974)


Amore Libero – Free Love è un film di Pier Ludovico Pavoni del 1974. Considerando la location esotica e il contenuto erotico della pellicola, il film si può catalogare nel filone esotiko-erotiko degli anni settanta. Inoltre la presenza di Laura Gemser nella parte di Janine, l’attrice principale lo rende una specie di anticipazione della serie di Emanuelle nera, interpretata dalla medesima e diretta da Joe D’Amato. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in adventure, comedy, drama, erotika, esotika, mystery, psychedelic

“Il Dio Serpente” (1970)


“Dio è vita. Quando il mare è più forte di te, abbandonati all’onda”

Il Dio Serpente è un film del 1970, diretto da Piero Vivarelli. Il tema principale del film è l’incontro/scontro tra due culture diverse: quella bianca “civilizzata” e quella indigena “selvaggia”. A metà tra l’erotico e l’horror, l’avventura e il film di critica sociale, il film si presenta come un’opera confusionaria e talvolta noiosa, ma al tempo stesso ambiziosa e molto curata tecnicamente. Merito soprattutto della splendida location esotica, della fotografia eccellente, dalle valide musiche di Augusto Martelli e della sensuale protagonista, l’allora ventunenne Nadia Cassini. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in adventure, erotika, esotika, horror, monster/beast, psychedelic, sociopolitical